Nessuna esimente per una difettosa tenuta della cartella clinica

Una recente ed importante pronunzia della Cassazione (cfr.Cass. Pen. n. 6209 del 31.3.2016) torna ad esprimersi in tema di responsabilità medica.
Più in particolare la difettosa tenuta della cartella clinica da parte dei sanitari non può pregiudicare sul piano probatorio il paziente.
Infatti in ottemperanza del principio di vicinanza della prova, è legittimo ricorrere a presunzioni laddove sia impossibile la prova diretta a causa del comportamento della parte contro la quale doveva dimostrarsi il fatto invocato. Tali principi operano non solo ai fini dell’accertamento dell’eventuale colpa del medico, ma anche in relazione alla stessa individuazione del nesso eziologico fra la sua condotta e le conseguenze dannose subite dal paziente. (Caso di specie: la S.C. ha cassato la decisione del giudice di merito, che aveva escluso la responsabilità dei sanitari nonostante non risultassero per alcune ore delle annotazioni sulla cartella clinica di una neonata, nata poi con grave insufficienza mentale causata da asfissia perinatale, così da rendere incomprensibile se poteva essere più appropriata la rilevazione del tracciato cardiotocografico rispetto alla mera auscultazione del battito cardiaco del feto)